San Sperate

San Sperate - Case vacanza, appartamenti e ville in affitto San Sperate

A trasformare San Sperate, sito di "ordinaria antichità" (XVIII sec. a.C.!!!) in un ambiente di valenza sociale d'avanguardia, ci pensò Pinuccio Sciola, nel 1968, quando, pennello alla mano, diede avvio, con un nutrito gruppo di Artisti, ad una pacifica rivoluzione che trasformò i muri di San Sperate in un gigantesco laboratorio a cielo aperto. Nasceva il fenomeno del muralismo sardo, esperimento che già l'Unesco nel 1973 valutava come degno di menzione e che , nel 1976, valse a San Sperate, nella sua totalità , l'invito alla Biennale di Venezia.
Il piccolo Centro di San Sperate, ridente di oleandri e profumato di pesche e agrumi si trova nell'entroterra cagliaritano. Già nodo commerciale di primaria importanza in epoca romana, come testimoniano i resti dei due ponti, uno su Flumineddu e uno sul Riu Mannu, che consentivano il trasporto delle merci da Oristano a Cagliari. San Sperate subì complesse vicende storiche , disastri ambientali legati al regime capriccioso dei suoi corsi d'acqua e alla scarsa lungimiranza negli interventi idraulici.
Imperdibile la visita al centro storico di San Sperate , alle sue chiese e all'epopea popolare così efficacemente istoriata sui muri con sanguigno e dolente realismo.
San Sperate merita una sosta anche per i suoi saporiti prodotti ortofrutticoli.... per capire come il terreno offra il suo contributo organolettico è necessario andare a provare di persona!


© Copyright MGC - Tutti i diritti riservati