Cala Liberotto

Cala Liberotto - Case vacanza, appartamenti e ville in affitto Cala Liberotto

Cala Liberotto è uno dei punti più rinomati del Golfo di Orosei per la quieta imponenza e magnificenza del suo ambiente naturale.
Sia che giungiate al mare dalla ombrosa macchia boschiva di Sa Mela, sia che approdiate dalla costa, l'impatto con le spiagge di Sa Curcurica e Bidderosa vi riempirà gli occhi e il cuore di magnifiche indimenticabili sensazioni.
A Cala Liberotto la natura gioca veramente alla grande e, generosa, vi offre il meglio dei profumi , dei colori, delle trasparenze della Sardegna.
Mare ad libitum per nuotare, oziare, pescare, fotografare, praticare sport, ma non solo.
Se siete di quelli compulsivi che si drogano di atmosfere e vogliono il tutto e subito, Cala Liberotto vi sorprenderà anche con il suo entroterra.
Vi svelerà l'aspra bellezza del monte Albo, ombroso di lecci, e del Supramonte, che per la sua conformazione calcarea si apre in grotte suggestive, anfratti profondi, pareti a strapiombo.
Cala Liberotto vi inviterà a sperimentarvi in lunghe salutari passeggiate a piedi o a cavallo, in spericolate ascensioni a tutto climbing.
Antiche tradizioni, accentuate dall'isolamento permangono nella tradizione enogastronomica del luogo che gioca sulla freschezza e genuinità dei suoi prodotti, proponendo un'ampia gamma di specialità .
Insuperabili i prosciutti di cinghiale, i primi dai nomi ghiotti come i Culurgiones, inenarrabili ravioli di formaggio e patate , gli squisiti arrosti di capretto e maialino alla brace, cucinati con perizia antica.
I dolci di Cala Liberotto sono poi un vero attentato ai trigliceridi, ma come sottrarsi ad una Caschettas che, in forma di rosa, cela, in un sottile sfoglia un ripieno di miele, cannella, buccia d'arancia e nocciole tritate?
Come arretrare davanti a Sos coros, cuori decorati come pizzi ( erano dolci riservati alle nozze), con un ripieno di pasta di mandorle e miele?.
La dura vita del turista a Cala Liberotto vi imporrà anche la degustazione dei vini tipici dellla zona, primo tra tutti quel Cannonau , già DOC dal 1972, che turbò, durante un suo viaggio nell'Isola, D'Annunzio, cui non era stata notificata la gradazione...18°-20° !!!

© Copyright MGC - Tutti i diritti riservati